Assegno Nucleo familiare: come avviene l’erogazione?

Assegno Nucleo familiare: come avviene l’erogazione?

Sono state fornite dall’INPS le istruzioni da seguire per i beneficiari dell’erogazione dell’Assegno familiare per il periodo di percezione dell’assegno ordinario con causale “COVID-19” a carico del Fondo di integrazione salariale e dei fondi di solidarietà bilaterali.

E’ stato infatti previsto all’interno del Decreto Cura Italia, che i beneficiari dell’assegno ordinario dovuto in seguito alla sospensione o alla riduzione dell’attività lavorativa in conseguenza dell’emergenza da COVID-19, potranno beneficiare anche dell’assegno il nucleo familiare in rapporto al periodo di paga adottato e alle medesime condizioni dei lavoratori ad orario normale.

L’assegno sarà erogato o come conguaglio o come pagamento diretto: nel primo caso le aziende si adopereranno per pagare sia l’assegno ordinario che la prestazione accessoria ANF, in seguito riceveranno il conguaglio della somma anticipata.

Nel caso in cui a pagare sia direttamente l’INPS i datori di lavoro saranno chiamati a presentare domanda mediante modulo “Sr41”, indicando la somma spettante come ANF per ciascun lavoratore.

Le domande sono in corso di presentazione essendo aperto l’apposito canale telematico dall’inizio del mese di luglio, il periodo a cui fare riferimento è quello che va dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021.

Flusso Uniemens: compilazione e conguaglio ANF

Approfondiamo ora, nelle prossime righe, quali passaggi si devono seguire per la compilazione del flusso Uniemens, analizzando le due casistiche interessate, ovvero:

  • Datori di lavoro soggetti alla CUAF
  • Datori di lavoro non soggetti alla CUAF

Per i primi, i datori di lavoro compileranno l’elemento <InfoAggcausaliContrib> nella seguente maniera:

  • In <CodiceCausale>, indicheranno il codice causale “L019” di nuova istituzione, avente il significato di “Conguaglio ANF per COVID-19 a carico FIS e Fondi bilaterali. Il codice va utilizzato sia per per il conguaglio riferito al mese corrente che per gli arretrati;
  • In <IdentMotivoUtilizzoCausale>, per le denunce di competenza di luglio e agosto 2020, andrà inserito il valore “N”.
  • A partire dalle denunce del mese di settembre si dovrà inserire anche il codice identificativo (Ticket), ottenuto dall’apposita funzionalità “Inserimento ticket”, prevista all’interno della procedura di inoltro della domanda al fondo;
  • In <AnnoMeseRif>, indicheranno l’AnnoMese di riferimento;
  • In <ImportoAnnoMeseRif>, indicheranno l’importo conguagliato, relativo al mese di riferimento della prestazione.

Per quanto riguarda invece i datori di lavoro che hanno già proceduto al conguaglio degli assegni per il nucleo familiare erogati ai dipendenti, dovranno procedere alla restituzione utilizzando il codice causale già in uso “F110”, esposto nell’elemento <CodiceCausale> di <InfoAggCausaliContrib>

Anche i datori di lavoro non soggetti alla CUAF possono conguagliare, con le stesse modalità sopra illustrate, le somme corrisposte a a titolo di ANF.

Non potendo  predisporre le denunce di competenza luglio 2020, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (Uniemens/vig), esponendo il nuovo codice “L019”,  mentre  per  l’eventuale codice di restituzione indicheranno il codice  “F110” all’interno di <CausaleRestituzANF> di <ANFADebito> di <GestioneANF>.

Nel caso in cui si debbano restituire importi non spettanti, i datori di lavoro valorizzeranno in <DenunciaIndividuale>, l’elemento <InfoAggcausaliContrib> indicando in <CodiceCausale> il codice causale “F119” di nuova istituzione, avente il significato di “Restituzione ANF per COVID-19 a carico FIS e Fondi bilaterali di cui agli articoli 26 e 40 del D.lgs n. 148/2015”; in <IdentMotivoUtilizzoCausale>, per le denunce di competenza di luglio e agosto 2020, andrà inserito il valore “N”; nell’elemento <AnnoMeseRif> andrà indicato l’AnnoMese di riferimento; nell’elemento <ImportoAnnoMeseRif> andrà indicato l’importo da restituire, relativo al mese di riferimento della prestazione.

Compilazione flussi “SR41”

A partire dalla competenza luglio 2020 per la compilazione dei flussi “SR41”, i datori di lavoro possono indicare l’importo complessivo relativo agli ANF maturati nell’apposito campo del modulo “SR41” con cui viene richiesto il pagamento dell’assegno ordinario.

Nel caso sia conclusa la fruizione dell’assegno ordinario, è comunque possibile richiedere col modulo “SR41” i soli importi ANF, indicando come mensilità l’ultimo mese di prestazione usufruito e nel “campo tipo integrazione” della mensilità, il codice “4”.

Per visualizzare il contenuto completo della circolare cliccare nel seguente link.

Tag: Erogazione assegno nucleo familiare, Flussi "SR41", Flusso Uniemens, assegno nucleo familiare