• VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA E AGGIORNAMENTI GRATUITI

Paghe GB Web – Gestione cedolini Eredi

Paghe GB Web - Gestione cedolini Eredi

L’estinzione del rapporto di lavoro nel caso di decesso del lavoratore comporta una serie di problematiche relativamente alle spettanze retributive maturate dal lavoratore in costanza di rapporto e non ancora liquidate.

Al momento del decesso del lavoratore esistono, di norma, spettanze retributive già maturate, ma non ancora liquidate, in quanto afferenti al periodo di paga in corso al momento del decesso, liquidabili solo in un determinato momento (mensilità aggiuntive, trattamento di fine rapporto) oppure perché pur maturate non sono ancora state godute (ferie, permessi individuali retribuiti).

L’insieme di queste spettanze non confluisce indistintamente nell’asse ereditario del lavoratore deceduto, ma viene assoggettata a una particolare disciplina in base alla diversa natura delle stesse. Il legislatore opera una distinzione delle spettanze in due diverse categorie:

–          Somme iure successionis – appartengono a questa categoria, le somme maturate dal lavoratore per effetto della prestazione lavorativa resa fino al momento del decesso e non ancora liquidate attraverso l’emissione del cedolino paga (si tratta normalmente delle competenze dell’ultimo mese di lavoro). Vincolate e corrisposte a seguito dell’accettazione dell’eredità.

–          Somme iure proprio – riguardano le somme indicate tassativamente nell’art. 2122 cod. civ., ossia l’indennità sostitutiva del preavviso e il trattamento di fine rapporto. La corresponsione di queste somme è indipendente dall’accettazione dell’eredità.

Paghe GB Software permette una gestione lineare delle casistiche legate alla morte di un lavoratore dipendente, dalla cura delle spettanze all’elaborazione del cedolino dei suoi eredi.

  • Accedi da Archivi di base/Risorse/Anagrafica Risorsa e imposta la data di morte avvenuta al campo Data di decesso
  • Data di decesso

  • Clicca sul menù Rapporti di lavoro/Rapporto di lavoro e inserire nel campo Data Licenziamento la data di decesso.
  • Data Licenziamento

  • Procedi al calcolo del cedolino del mese in cui è avvenuta la dipartita del lavoratore. Verranno elaborate le competenze correnti, differite e il TFR, senza assoggettamento fiscale e senza calcolo delle suddette quote sul netto.

N.B: Il TFR deve essere calcolato, anche se non erogato, nel cedolino della mensilità in cui viene erogato agli eredi del lavoratore defunto. In tal modo, se non dovesse essere erogato agli eredi nello stesso mese del decesso, non occorre calcolare il TFR, attendendo di farlo nel momento in cui viene corrisposto agli eredi.

Nello specifico, per la gestione delle spettanze degli eredi:

  • Accedi da Archivi di base/Risorse/Anagrafica risorsa e caricare l’anagrafica dell’erede.
  • Seleziona il menù Rapporti di lavoro/Rapporto di lavoro e crealo con gli stessi dati contrattuali del deceduto.
  • Clicca sul bottone Istituti/Irpef e compila i seguenti campi con:
  • Aliquota Irpef fissa 23%
  • Conguaglio fiscale: NO
  • Categorie particolari con valore Z
  • Codice dipendente deceduto nel campo Erede Di

Aliquota Fissa - Conguaglio Fiscale

Eredi

Per effettuare l’elaborazione del cedolino di saldo competenza in favore degli eredi, è sufficiente accedere da Elaborazioni mensili/Gestione cedolino paga/Cedolini non in forza/Inserimento cedolini licenziati e inserire le seguenti voci cliccando sul pulsante Voci mese

  • Voce 304 Credito Conguaglio Fiscale Deceduto indicando le quote fiscali a credito esposte sull’ultimo cedolino del defunto (ad esempio conguaglio a credito: bonus);
  • Voce 305 Debito Conguaglio Fiscale Deceduto indicando le quote fiscali a debito esposte sull’ultimo cedolino del defunto (ad esempio: imposta netta);
  • Voce 306 Quota competenze da erogare ante imposta, indicando la quota da erogare agli eredi rilevabile all’interno dell’ultimo cedolino del defunto, prima dell’applicazione dell’imposta.

N.B: Nel risultato delle suddette voci inserire l’ammontare da corrispondere agli eredi; la somma algebrica di queste tre voci deve risultare pari al netto che sarebbe stato erogato al defunto sull’ultimo cedolino elaborato.

  • Voce 1310 per effettuare il cedolino di saldo TFR agli eredi. Inserisci la quota spettante in % nel risultato e la procedura in automatico eroga sul netto la quota spettante, con le voci:
  • 7150 Saldo TFR Erede
  • 7151 Rivalutazione TFR Erede

Per maggiori dettagli consultare la guida dettagliata sk0006 Gestione Dipendente deceduto ed eredi, accedendo da Configurazioni/Manualistica.

PB101-RUV /22


Scarica il software senza impegno!